Tre punti d’oro per la serie D che soffre più del dovuto

Tre punti d’oro per la serie D che soffre più del dovuto

La serie D della Lazio VeS centra il suo settimo successo consecutivo, il quattordicesimo nelle ultime quindici gare di campionato disputate, e si mantiene appaiata al CUS Cassino al comando del girone D. Una vittoria importante quella ottenuta contro il Victoria Volley Frosinone (3 a 1 25/15 23/25 25/9 25/19), arrivata al termine di una partita che già alla vigilia era temuta sia per le qualità delle avversarie che per il rischio di qualche calo di concentrazione. Cruciani e compagne hanno affrontato l’avvio della gara con il giusto piglio mettendo immediatamente sotto pressione la ricezione delle ciociare, limitandole in attacco e ricostruendo con precisione. Poi, purtroppo, come si temeva, la partita è improvvisamente cambiata. Nel secondo set si è allentata la presa e si è consentito alle ospiti di esprimere il loro gioco perdendo via via lucidità e dimenticando la strada precedentemente intrapresa. È capitato così che il set sia andato al Victoria Volley che ha riaperto una partita per la quale la differenza di valori in campo imponeva ben altro copione. Brave sono state a quel punto le ragazze di Francesca Cicero a reagire prontamente ed il parziale del terzo set, se da una parte dà loro merito per la tempestiva reazione, ancor più rende ingiustificabile l’atteggiamento del set precedente. Atteggiamento che, purtroppo, si ripeteva in avvio di quarto set quando, di nuovo, calava l’indispensabile tensione e si ridava vigore alle avversarie. In questo caso, però, la Lazio VeS ha saputo reagire con maggiore prontezza recuperando concentrazione e gioco e conquistando tre punti fondamentali per proseguire il fantastico cammino intrapreso da tempo. Un successo troppo sofferto, però, considerata la differenza di valori espressa dal campo. Come già più volte scritto, se questa squadra vuole sognare in grande, e può davvero sognare in grande, non può permettersi di allentare la tensione agonistica nemmeno per un attimo e contro nessuna avversaria perché il rischio di cadere e compromettere una stagione d’oro è sempre dietro l’angolo. In apertura di pomeriggio la 2^ divisione, opposta alla capolista Spes Mentana, veniva battuta per 3 a 0. Le ragazze di Alessandro Spanu, che hanno perso per infortunio durante la gara la Spizzichino, hanno combattuto fino all’ultimo ma hanno dovuto cedere il passo ad una squadra decisamente più avanti per qualità di gioco e individualità. Non era certo questa la partita in cui fare punti ma le ragazze sono state brave a lottare cercando di fare il loro meglio